Il firewall più efficace è noi stessi … secondo Entelgy

La maggior parte degli attacchi informatici che riguardano le aziende sono causati da errori umani, che si riflette in una grande preoccupazione tra i responsabili della cybersecurity . In questo modo, una delle armi principali per combattere le minacce informatiche è creare un " firewall ", ma all'interno della testa degli impiegati, cambiando il loro modo di comportarsi.

Pertanto, Entelgy The BusinessTech Consultancy, ha presentato The Firewall Mindset ™ il suo nuovo modello di consapevolezza in cybersecurity per rafforzano la sicurezza delle organizzazioni .

Questo nuovo metodo si basa sulla gestione del cambiamento umana con particolare attenzione alla trasformazione del comportamento e delle abitudini delle persone, in modo che siano più consapevoli del pericolo ed eseguire manovre più sicure contro l'aumento degli attacchi informatici .

 Il firewall più efficace è noi stessi ... secondo Entelgy "width =" 1280 "height =" 720 "/> </span> </p>
<p> <strong> Firewall Mindset </strong> <span style= riesce a trasformare il comportamento dei dipendenti, consentendo loro di acquisire nuove competenze e abitudini sicure nell'uso degli strumenti digitali. La scommessa di Entelgy per questo modello si basa su tre punti chiave:

  • Dipendenti, vettore principale di attacco : questa realtà diventa paura tra i responsabili della sicurezza aziendale, come CISO e CIO . Secondo un sondaggio preparato da Ponemon Institute, il 70% di loro temono che gli attacchi alla propria organizzazione siano causati dalla mancanza di personale interno competente e il 65% ritiene che possano essere vittime di un attacco di phishing a causa della negligenza di un dipendente.
  • Nuovi strumenti di formazione : attualmente ci sono metodologie di insegnamento molto più efficaci di un seminario tradizionale, che forniscono molte informazioni, ma non influenzano il modo di lavorare del dipendente. Il Firewall Mindset di Entelgy sottolinea l'importanza della sicurezza e le principali minacce che i lavoratori possono affrontare attraverso lo storytelling e la gamification transmediale. La chiave è trasformare la conoscenza in storie, provocare nell'individuo una riflessione e allo stesso tempo assicurare e viralizzare nuove abitudini di sicurezza attraverso materiali come webisodi, cyberestimonie, infografiche, valutazioni, simulazione di attacchi …
  • Una struttura di abitudini di fronte agli attacchi : è importante che le aziende creino un protocollo di azione nei propri dipendenti in modo che possano reagire alle minacce e non essere coinvolti in un hack. Un esempio di ciò è pensato OPDA (Osservare, Pensare, Decidere e Agire) come una struttura delle nuove abitudini da sviluppare nei dipendenti. Questo raccoglie le chiavi per agire in modo più sicuro ed evitare di cadere nelle numerose trappole degli attaccanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *